Dark food photography: come realizzo i miei scatti

Molto spesso mi chiedete come realizzo l’effetto “dark” o “chiaroscuro” nelle mie fotografie, ecco perché oggi ho deciso di darvi qualche consiglio su come potete ottenere lo stesso effetto.

 

Per prima cosa dovete imparare a gestire la luce e soprattutto in questo genere fotografico la prima cosa che dovete assolutamente sapere, è che la luce deve provenire da un’unica direzione.

 

Lo scopo è di mantenere lo sfondo in ombra per attirare l’attenzione sul soggetto principale.

 

Per quanto riguarda gli oggetti di scena, vi consiglio di usare utensili vintage patinati, o per esempio piatti opachi perché sono meno riflettenti. Questo vi eviterà di dovere gestire eventuali riflessioni fastidiose.

Li trovate nei mercatini dell’usato e antiquariato, o nella cantina dei vostri nonni =)

 

Un altro materiale che si presta bene è il legno, da utilizzare, sia come sfondo sia come oggetto di scena. A me piace molto perché conferisce un aspetto rustico. Puoi usare per esempio una vecchia porta dell’armadio o il ripiano di un tavolo. 
Assicuratevi però che il legno che usate non sia troppo caldo, perché potrebbe apparire un po’  aranciato nella foto finale.

 

Ovviamente le nostre tavola casalinghe difficilmente assomigliano a quelle che troviamo in questo genere fotografico, ma ai fini della dark food photography, questi “dettagli” danno una qualità narrativa più intensa e valorizzano il soggetto principale.

 

Quando state componendo la vostra scena fotografica, pensate agli ingredienti utilizzati nella ricetta che stai fotografando e chiedetevi come potete includerne alcuni nella vostro foto (nel mio caso il latte).

 

Ora vediamo più nel dettaglio come gestire la luce.

 

È preferibile utilizzare un’illuminazione indiretta in modo che nessuna luce punti direttamente sul set o sul cibo. 
In questa foto non c’è luce da sinistra perché ho messo un pannello scuro che assorbe la luce.

Tutorial

 

 

Inoltre ho preferito allontanarmi dalla finestra perché era una giornata molto luminosa.

Per lo stesso motivo ho abbassato le tapparelle dietro il set (e quindi non si nota tanto la differenza, con o senza, il pannello messo a sinistra).
Tra l’altro se devo essere pignola avevo dimenticato nella foto sopra di usare un pezzo di carta da forno per assorbire la luce in direzione della parte interna delle merendine. Ne sarebbe bastato un pezzo piccolo. 

 

A destra invece ho utilizzato un altro pannello per dirigere la luce solo sul cibo, lasciando lo sfondo in un’ombra più profonda.

 

Potete decidere quanta parte dello sfondo volete schermare, ma fate attenzione a dove cadono le ombre. Ecco alcuni esempi.

 

Tutorial

 

Chiaroscuro

 

Tutorial

 

Un altro consiglio che vi do è quello di lavorare con un cavalletto.
In caso di scarsa luminosità avrete la necessità di usare tempi di esposizione più lunghi ed il supporto del treppiede vi consentirà di mantenere la macchina immobile durante lo scatto.

 

È inoltre preferibile che usiate un telecomando o lo scatto remoto per evitare vibrazioni provocate dalla pressione della mano e dal movimento dello specchio.

Questo vi permetterà anche di mantenere gli ISO e di evitare quindi foto rumorose.

 

Questi sono solo dei piccoli consigli che ho deciso di condividere con voi. Ho sicuramente ancora tanto da imparare, quindi se avete dei suggerimenti sono felice di ascoltarli. 

 

Mi piacerebbe inoltre sapere se avete già sperimentato questo genere fotografico e quali sono state le vostre difficoltà.

Vi va di condividere la vostra esperienza con me?

 

Default image
Miky

Leave a Reply